Web Concetto

Dadaismo

Avanguardie del Novecento: Futurismo e Dadaismo

Dadaismo

  • Aggiornato giovedì, 08 feb 2024

All'inizio della Prima Guerra Mondiale, artisti fuggono in Svizzera e a Zurigo fondano il Cabaret Voltaire, promuovendo l'arte dadaista come rivolta contro le convenzioni e la vacuità del potere.

Le immagini fornite sono esclusivamente a scopo illustrativo e potrebbero non riflettere esattamente la realtà del prodotto o del contesto.

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, intellettuali ed artisti da tutta Europa si rifugiano in Svizzera, Paese neutrale. Alcuni di loro condividono la critica nei confronti dell'arte accademica, e intendono negare la validità delle forme artistiche del passato.

Fondano a Zurigo il Cabaret Voltane, dedicato al grande illuminista francese che credette nei valori della ragione dell'uomo; valori che in quegli anni appaiono travolti da un'ondata di irrazionalità. I concetti di patria, civiltà e onore sono, agli occhi dei giovani del Voltaire, parole vuote e retoriche.

Spinti dal disgusto verso il potere politico ed economico dominante, tentano, mediante l'arte scenica del cabaret, di metterne a nudo la vacuità. Utilizzano le tecniche più diverse: la performance, l'assemblaggio di oggetti, il fotomontaggio. Ispiratori e principali artefici del movimento dadaista sono il poeta romeno Tristan Tzara (1896-1963), l'architetto, anch'egli romeno, Marcel Janco (1895-1984), l'imprenditore teatrale e poeta tedesco Rugo Bali (1886-1927), lo scultore francese HansArp (1887-1966).

Negli stessi anni, un gruppo dadaista sorge anche a New York, su sollecitazione dello statunitense di origine russa Man Ray (1890-1977) e dei francesi Francis Picabia (1879-1953) e Marcel Duchamp. Il movimento si oppone alla civiltà attuale in tutti i suoi aspetti e si prefigge di distruggerne i valori per ricostruirli in modo radicalmente diverso.

Procede, quindi, alla demolizione di tutte le forme d'espressione tradizionale, compresa quella verbale: Dada, nome trovato per caso, significa semplicemente sì (da, in russo). Dada si oppone alla poesia, all'arte, a tutto ciò che è comunemente considerato bello ed eterno, utilizzando i toni dissacratori di chi vuole provocare: "L'opera d'arte non deve rappresentare la bellezza che è morta", scrive Tzara nel Manifesto Dada del 1918.

Scopo dell'arte dadaista è dunque quello di causare un forte effetto di sorpresa e di disappunto nello spettatore, per farlo riflettere sulle convenzioni da lui accettate.

di Concetto Vecchio

© Riproduzione riservata


Cattura l'attenzione!

Scopri le offerte imperdibili del momento.

Cattura l'attenzione!

Scopri le offerte imperdibili del momento.


Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e condividere la nostra passione!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e condividere la nostra passione!



Aggiornamenti Esclusivi!
Aggiornamenti Esclusivi!

Ricevi aggiornamenti esclusivi e offerte speciali direttamente nella tua casella di posta: iscriviti alla nostra newsletter oggi stesso!

Iscriviti alla newsletter

Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi...

Seguici sui social

Clicca qui per rimanere connesso con noi sui social!


Copyright © 2024 Web Concetto - Sito realizzato da CVSolutions. Tutti i diritti riservati.